Il libro di Daniele

Il libro di Daniele appartiene alla cosiddetta “letteratura apocalittica” ed è stato composto con ogni probabilità intorno al II secolo a.C.; scritto in ebraico, aramaico e greco, narra vicende ambientate nell’epoca dell’esilio babilonese (597 a.C.), anche se il contesto storico più generale in cui si inquadrano i fatti è molto ampio: va dal 600 al 160 a.C. circa.

Il generale Yahwèh

Quando si assiste alle conferenze di Mauro Biglino, come ho fatto io sabato sera a Udine, si sentono volare le mosche. Il pubblico assapora il piacere della conoscenza ed è come essere seduti davanti a un caminetto con un bicchiere di buon brandy in mano. L’autore de “Il Dio alieno della Bibbia” è un bravo divulgatore sia per iscritto che a voce. Non tutti sono in grado di unire le due prestazioni.

Mi chiedo, ora che sto per finire il suo secondo libro, che in realtà è stato scritto prima del Dio alieno della Bibbia, come mai il Vaticano, che è così influente e impiccione nella vita pubblica italiana, non glieli abbia ancora fatti sequestrare. E come mai, dopo duemila anni di mistificazioni e di contrasti religiosi, a noi oggi è dato di venire a sapere come sono andate in realtà le cose circa le origini della nostra specie.

L’uomo discende dagli alieni, Biglino: “E’ scritto nella Sacra Bibbia” – L’INTERVISTA

Il Giornale online “il Punto a Mezzogiorno” ha pubblicato un’interessante intervista fatta a Mauro Biglino. sotto trovate la trascrizione.
Da: ilPuntoaMezzogiorno
La Terra colonia di “divinità” aliene provenienti da altri mondi; Navicelle spaziali scambiate per angeli, genere umano frutto di incroci tra ominidi e alieni.

Questa la tesi dissacrante sposata da Mauro Biglino nel suo libro Il Dio Alieno della Bibbia. Una tesi che nasce da un suo approfondito studio di traduzione testuale dall’ebraico antico della Bibbia.