Yahweh (il presunto Dio giudaico-cristiano) e i suoi rappresentanti sacerdoti monetizzavano tutto anche uomini e donne!

PlanYahweh, il presunto Dio giudaico-cristiano, e i suoi rappresentanti sacerdoti monetizzavano tutto, anche uomini e donne.
Non ho dubbi sui motivi, conoscendone la vera natura, ma è curioso conoscerne almeno i criteri.
(NB Il siclo del tempio corrispondeva a circa 10 gr di argento)

Levitico, capitolo 27: Yahweh in persona comunica a Mosè i seguenti valori.

Un maschio che ha più di 60 anni vale 15 sicli
Una donna di pari età vale 10 sicli (cioè il 66,6% del maschio)

Un maschio dai 30 ai 60 anni vale 50 sicli
Una donna di pari età vale 30 sicli (cioè il 60% del maschio)

Un maschio dai 5 ai 30 anni vale 20 sicli
Una donna di pari età vale 10 sicli (cioè il 50% del maschio)

Un bambino da un mese ai 5 anni vale 5 sicli
Una bambina di pari età vale 3 sicli (cioè il 60% del maschio)

Interessante sapere che un bimbo di un mese vale 5 sicli, esattamente come un animale impuro della stessa età (Numeri 18,16): il che significa che una bambina di un mese valeva il 60% di un animale impuro.

Che cosa eravamo dunque per gli Elohim?
A ciascuno le sue considerazioni.

PS Qualcuno dirà che Dio, nella sua infinita saggezza, si adeguava ai costumi del tempo: io dico che noi uomini sappiamo essere meschini da soli, senza avere la necessità di un Dio che si adegua alla nostra meschinità. Un Dio così, nella migliore delle ipotesi, è inutile.

Mauro Biglino