La conferenza di Palermo mi ha portato due situazioni particolari che mi rendono al settimo cielo (se esiste)!

La conferenza di Palermo è stata caratterizzata da due situazioni particolari:

1) si è riusciti farla con grande successo nonostante i problemi che l’hanno messa serissimamente a rischio: la necessità di cambiare sala nelle ultime 24 ore, il mio aereo annullato, le difficoltà che ho avuto per trovare posto in meno di due ore sull’unico aereo che partiva per la Sicilia (Catania), i problemi tecnici nella nuova sala che nessuno ha saputo spiegare: né perché si sono originati né perché si sono risolti da soli.

2) l’incontro con il biologo molecolare (ricercatore associato King’s College London) che è intervenuto nella conferenza e che – in collaborazione/confronto continuo con genetisti inglesi ed italiani – sta scrivendo il libro in cui indicherà gli attuali protocolli e le tecniche di clonazione (applicabili anche all’uomo) che sono compatibili con le ipotesi che ricavo dai testi antichi, salvo un punto in cui la Bibbia è imprecisa e/o incompleta, come se avesse saltato un passaggio. Ma i testi mesopotamici ed ebraici extrabiblici consentono di completare il quadro… La teoria che questa parte del mondo scientifico sta elaborando è davvero straordinaria e aprirà nuove strade di ricerca. Sarà illustrata nel libro che uscirà tra qualche mese e di cui darò ampia informazione. 

Sono davvero al settimo cielo (se esiste  )

Mauro Biglino