Le stranezze nel genoma dell’Homo Sapiens

Dopo le informazioni trasmessemi dal biologo molecolare Dr. Pietro Buffa – di cui ho dato alcuni cenni sintetici in LA BIBBIA NON E’ UN LIBRO SACRO – ho ricevuto ora uno studio scientifico redatto da un dottore in scienze naturali.

Il PDF (corredato da tre pagine di bibliografia scientifica) contiene l’elenco e l’analisi di una serie di “stranezze” presenti nel genoma appartenente a noi “sapiens” (comprese quelle già indicatemi dall’amico Pietro Buffa di cui attendo con ansia la pubblicazione del libro ADAM) e riporta considerazioni sulla impossibilità della tesi evoluzionista (e tanto meno creazionista) di spiegarle in modo scientificamente accettabile e coerente.

Mi interessa però riportare qui una affermazione – per me straordinaria – contenuta a pag. 16:

“L’unica spiegazione rimane ancora quella di considerare Eva mitocondriale ed Adamo cromosomiale Y come cloni prodotti in molti esemplari. Solo un numero adeguato di femmine e maschi geneticamente uguali fra loro avrebbe potuto trasmettere con successo i genotipi unici e caratteristici propri del genere umano.”

Piano piano… si procede (con mia grande soddisfazione)… sempre “facendo finta che…”

^___^

Mauro Biglino

PS: Pubblicherò il PDF nel nuovo libro.