Le traduzioni professionali e l’Università

Un aneddoto e una info che ho piacere di condividere con voi, un po’ per conferma ma, concedetemelo, un po’ anche per divertimento.

Autunno 2012: nel tentativo di togliere ogni valore alle mie traduzioni i detrattori di professione prendono uno dei testi biblici delle Edizioni San Paolo (Genesi, Collana Bibbia Ebraica Interlineare) e, pensando che l’avessi tradotto io, iniziano a criticarlo e smontarlo parola per parola, usando anche termini derisori ed offensivi, come è purtroppo costume di alcuni di loro.

Una delle loro “staffette” riportava nel mio gruppo di Facebook – con il solito profilo falso – le loro considerazioni con fare apparentemente amichevole e collaborativo.

Li ho lasciati proseguire per alcuni giorni poi, essendo una persona corretta, ho avuto pena per il traduttore San Paolo che ci aveva lavorato e veniva dileggiato ingiustamente.

Nei post che quel falso profilo pubblicava nel gruppo di Facebook ho comunicato che quel libro non l’avevo tradotto io: sono caduti dalle nuvole, hanno fatto le opportune verifiche e quando hanno visto che avevo detto la verità hanno smesso immediatamente di analizzarlo e smontarlo.

In sostanza: si critica e si tenta di demolire se lo ha fatto Biglino… altrimenti niente.

Chissà mai perché!?

Ieri (9 settembre 2013) sono stato informato di un fatto che, non lo nascondo, mi ha riempito di soddisfazione:

il volume LE CINQUE MEGHILLOT con le mie traduzioni letterali, è stato adottato come testo di riferimento dalla Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” – Facoltà di Lettere e Filosofia – per il corso di Lingua e letteratura ebraica biblica e medievale.

Ecco il link: http://docenti.unior.it/index2.php?content_id=18580&content_id_start=1&ID_Utente=2923