Recensione di “Non c’è creazione nella Bibbia”

Ecco una nuova recensione dell’ultimo libro di Mauro Biglino “Non c’è creazione nella Bibbia”, Uno Editori, questa volta ad opera di Giovanni Pelosini.

Lo scrittore e docente “eclettico” (come si definisce lui) Giovanni Pelosini già due anni fa aveva fatto una bella intervista all’autore che potete leggere QUI.

Di seguito la trascrizione della recensione, buona lettura!

Da: http://www.giovannipelosini.com/2013/01/mauro-biglino-non-ce-creazione-nella-bibbia/

Con questo suo ultimo libro, fresco di stampa per Uno Editori (novembre 2012), Mauro Biglino approfondisce la sua ricerca filologica sull’Antico Testamento, spesso in contraddizione con l’esegesi tradizionale quando la sua precisa analisi semantica del testo esce dalle convenzioni accettate, fin dalla celebre frase iniziale comunemente interpretata come atto creativo: “Bereshit bara Elohim“.

Come sempre il lavoro di Biglino è “laico”, linguistico, non teologico; la sua ipotesi è che molti passi della Bibbia siano narrazioni (non ideologiche, né religiose o metaforiche) di ciò che i cronisti anticotestamentari avevano visto e sentito dire. E le sue conclusioni sono spesso sorprendenti.

“Non c’è creazione nella Bibbia” (2012)

È un libro che approfondisce le tematiche già affrontate nei precedenti testi di Mauro Biglino, con particolare riferimento alle ipotetiche tecnologie degli Elohim e dei Malachim. Il mistico Kavod (Gloria), il misterioso Ruach (Spirito), gli stessi Keruvim (Cherubini) sono forse termini da tradurre diversamente? Gli antichi cronisti erano stati testimoni di eventi in cui erano coinvolti oggetti volanti (R.I.V., Res Inexplicata Volans), armi fantascientifiche e tecnologici sistemi di comunicazione a distanza? Quali sono i segreti dell’Arca dell’Alleanza, che poteva emettere radiazioni mortali? Come funzionavano i due oggetti “mantici” chiamati Urim e Tummim? Biglino sembra aver trovato delle chiavi interpretative del nostro remoto e misterioso passato, e, in ogni caso, riflette e fa riflettere su quanto poco ancora sappiamo delle nostre stesse origini.

Giovanni Pelosini

Leggi l’originale: link

Per essere sempre informato in tempo reale su tutte le attività che riguardano Mauro Biglino iscriviti alla sua FanPage di Facebook, clicca qui