L’assedio di Sennacherìb

Un secondo intervento di questo malàkh è descritto nel secondo libro dei Re che narra l’assedio posto a Gerusalemme da Sennacherìb: siamo nel 701 a.C. e il re assiro sta conducendo la sua campagna di conquista nei territori della Palestina.

Il testo biblico racconta (2Re 19,35) che…

in quella notte il malàkh di Yahweh uscì e colpì nell’accampamento degli Assiri 175.000 uomini. Quando gli altri si levarono al mattino quelli erano cadaveri.

Pare che in quell’occasione l’angelo si sia servito di un’infestazione di topi, circostanza confermata anche dallo storico greco Erodoto (Storie, 2,141) che riferisce in termini molto simili quanto subito dall’esercito di Sennacherìb nel corso di un assedio:

i topi rosicchiano faretre, archi, cinghie degli scudi e i combattenti si danno alla fuga spogli delle armi, cadendo in molti.

Tratto da “Il libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia” di Mauro Biglino, Uno Editori, clicca qui.

Raggiungici anche su Facebook e su Twitter!